2111440 1024x0r72 h8c2b6

favImage

2094543 1024x0r72 h33d76

ULTIME NOTIZIE

FLC CGIL di Salerno indice convocazione assemblea sindacale

La FLC CGIL di Salerno, a norma dell’art. 23 del CCNL 2018 - Sezione Scuola, indice l’assemblea sindacale di tutto...

Leggi tutto

Convocazione Consiglio di Istituto in data 12.12.2019

In organi Collegiali - Consiglio di Istituto- Convocazioni è pubblicata la comunicazione in  oggetto.

Leggi tutto

Rettifica elenco alunni della classe 3A partecipanti al Progetto continuità M. Mari

Si comunica che l'alunna di 3 sez. A Zagaria Sara è sostituita dall'alunna D'Alessio Sophie negli incontri del 6 -13-16...

Leggi tutto

linea telefonica interrotta causa guasto.

Si comunica che a causa di un guasto sulla linea telefonica tutti i plessi del Comprensivo sono momentaneamente senza telefono.  

Leggi tutto

Comparto Istruzione e Ricerca: proclamazione scioperi

Si pubblicano le giornate di sciopero dell'ANQUAP e di FEDER A.T.A. come da allegati files.

Leggi tutto

Rinvio incontro NIV a mercoledì 4 dicembre 2019

Si comunica che l'incontro del NIV previsto per martedì 3 dicembre è posticipato a mercoledì 4 dicembre alle ore 16.00

Leggi tutto

Convocazione collegio dei docenti 4 dicembre 2019

Il giorno 4 dicembre p.v. alle ore 17.30 presso l'Auditorium è convocato il collegio dei docenti.  Vedi organi collegiali -collegio dei...

Leggi tutto

Progetto geometria in gioco

 

Progetto “GEOMETRIA IN GIOCO”

Sperimentazione INDIRE a.s. 2018/2019 Progetti "Maker@scuola"

 e "Stampanti 3D nella Scuola dell'Infanzia e Primaria"

Il Progetto “Maker@Scuola: Nuove Tecnologie per la Didattica” è un progetto di ricerca di Indire attivo dal 2014.
 
I Maker sono gli “artigiani digitali”, ovvero quegli inventori, autori e artisti che per passione progettano e autoproducono nei loro laboratori denominati “Maker spaces” o “FabLab” apparecchiature meccaniche, elettroniche, software open source, realizzazioni robotiche e tutto ciò che stimola il loro desiderio di innovazione. Il progetto “Maker@Scuola” analizza le specificità del modello di apprendimento proposto dal “Movimento Maker” applicato alla didattica laboratoriale nella scuola.
 
 
La ricerca intende indagare sulle possibili interazioni tra le modalità di lavoro degli “artigiani 2.0” e gli schemi di apprendimento attuali degli studenti. L’obiettivo è quello di verificare se gli strumenti innovativi sperimentati e le metodologie didattiche ad essi associate in classe, siano in grado di contribuire al superamento dei metodi di istruzione tradizionale frontale e sostenere una più attuale didattica innovativa in cui gli alunni diventano i protagonisti del proprio apprendimento.
 
 
L’inserimento nel programma didattico di attività di tipo “Maker” è in grado di potenziare lo sviluppo delle competenze logico-matematiche, scientifiche, linguistiche, e soprattutto di far emergere le meta-competenze e le soft-skills. Questa modalità di lavoro può incoraggiare gli studenti a un approccio più partecipativo e coinvolgente.
 
 
Può aiutare gli insegnanti e gli studenti a sviluppare il senso di appartenenza alla scuola, grazie a momenti formativi in cui i ruoli si ammorbidiscono e la collaborazione fra pari è facilitata; suggerisce il riuso degli oggetti, l’ottimizzazione delle risorse e un approccio positivo alla risoluzione dei problemi dove l’errore è un momento di riflessione e non un fallimento.
 
 
Le attività di progettazione e realizzazione di prodotti costituiscono inoltre un ponte tra l’ambiente scolastico e il mondo esterno, poiché forniscono agli studenti competenze evolute e facilmente spendibili fuori dalla scuola. A livello didattico, l’oggetto e il suo processo di creazione divengono un pretesto per mettere in atto processi di analisi e autoanalisi e di messa in pratica di conoscenze e abilità.
I risultati ottenuti in classe con questo tipo di attività vengono valutati esaminando il loro contributo sul livello formativo, sullo sviluppo delle competenze metacognitive e relazionali, sul potenziamento del pensiero logico, della capacità di astrazione e di problem solving.
 
 
Le caratteristiche principali riferibili a questo genere di attività sono tre:
  • Una metodologia Tinker-ing, rappresentata dal ciclo di design Think- Make – Improve  (pensa-crea-migliora)  che prevede una prima fase di ideazione, una seconda fase si realizzazione e una fase finale di verifica e miglioramento; l’ultima fase porta alla ridefinizione del progetto iniziale e delle idee assunte in partenza. In questa attività ciclica l’errore e le ipotesi sbagliate offrono la possibilità di migliorare.
  • Una filosofia Share-ing aperta alla collaborazione e alla condivisione della conoscenza piare il lavoro già fatto non significa “barare”, al contrario è un’attività promossa, che sostiene e facilita il dialogo, che incoraggia i ragazzi a non temere gli sbagli, corretti dai loro stessi compagni. In questo contesto trovano spazio l’autoregolazione sociale, l’assertività e la responsabilità.
  • Un approccio Haker-ing che prevede di analizzare il funzionamento di certi oggetti, di scomporli e ricomporli e di utilizzare la conoscenza acquisita per creare cose nuove.

 


 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.